KayOne - Moti dell'animo

Per i suoi frequentatori la Fondazione Pasquinelli è un buen retiro dove gustare, nella pace rarefatta dell’Arte in una stanza, capolavori dell’arte moderna ormai diventati classici: i Cezanne, i Van Gogh, gli Chagall, patrimonio fondante del nostro presente artistico. Che ci fa ora qui un graffittaro o, come si dice più nobilmente oggi, uno street artist?

È una strada che Pina Antognini, presidente della Fondazione, ha deciso di imboccare seguendo le sue curiosità, che l’hanno sempre portata a esplorare tutti gli aspetti del nuovo. E il nuovo, nell’arte a fine Novecento, ha anche il volto di KayOne, artista capace di parlare ai giovani attivo da vent’anni che ha esposto sullo scenario internazionale di New York, ha collaborato al progetto del Muro della legalità promosso dalla Fondazione Pasquinelli sul muro periferico del Tennis Club Milano allo scopo di promuovere una riqualificazione urbana, e ora trasporta la sua forza espressiva per adattarla a questo spazio, in apparenza così estraneo. Con questa operazione, la Fondazione Pasquinelli conferma la sua vocazione non solo di spazio espositivo, ma di ricerca per scoprire le molteplici strade della creatività artistica.

Il bono pittore ha da dipingere due cose principali, cioè l’omo e il concetto della mente sua. 
Il primo è facile, il secondo difficile perché s’ha a figurare con gesti e movimenti delle membra.
Leonardo da Vinci - Trattato della pittura 1786

­Leonardo da Vinci è considerato il fondatore della fisiognomica moderna. Nelle sue opere, l’espressione dei volti, i gesti e le posizioni del corpo sono la conseguenza visibile dei moti dell’animo. La rappresentazione, oltre quella dell’aspetto esteriore di un essere umano, anche del “concetto della mente sua”, ossia del pensiero e delle emozioni, attraverso i lineamenti del viso e il linguaggio del corpo e delle mani, studiati fin nei minimi particolari. Il viaggio nell’anima non può quindi che partire dalle affermazioni del grande Leonardo da Vinci nel suo sempre verde testo: “Trattato della pittura”, punto di riferimento ineludibile per la trattazione scientifica sull’intreccio tra passioni, espressione, carattere e vita.

I moti dell’anima, come li definì il grande artista erano una componente essenziale della sua pittura. Una convinzione che Leonardo ha saputo esprimere in tutti i suoi dipinti, primo fra tutti il “Cenacolo”, lo splendido affresco che nel 1495 dipinse a Milano, nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie. Opera di cui la Fondazione Pasquinelli ospitava una scultura di Arrigo Minerbi ispirata proprio all’Ultima Cena.

k1moti Anima in moto

I moti dell’anima del giovane writer KayOne correvano sulla linea Milano-New York a metà anni ‘80 dove i graffiti viaggiavano a bordo di treni metropolitani rappresentando una promozione itinerante delle opere di nuovi artisti. Forse non erano solo le loro opere in moto, ma ancora di più le loro anime, che desideravano ardentemente uscire dall’anonimato e affermare con coraggio la propria esistenza. A Milano erano in pochi all’epoca a seguire queste nuove tendenze artistiche, ma regalare emozioni attraverso il colore su muro, fu da subito chiaro come obiettivo primario da perseguire nei graffiti di KayOne. Il Graffitismo tende a far parte della vita della gente, diventando parte integrante dell’assetto urbano per il quale è creato, proponendo un’arte democratica, visibile a tutti e vissuta da tutti, condividendo le stesse sorti del luogo nel quale viene inserita. Arte come strumento di riqualificazione urbana, arte che torna a farsi decorazione della città, come avveniva in tempi lontani, con la differenza che oggi cambia il messaggio e il soggetto sul quale si opera. Palazzi e piazze lasciano il posto a muri solitamente anonimi, non esteticamente apprezzabili e di norma lasciati al degrado delle nostre strade. Su questi muri di periferia comincia il percorso di KayOne e oggi a 30 anni dagli esordi tipicamente street, si aprono nuove prospettive e nuovi spazi per rappresentare il concetto del viaggio dell’anima. Il muro stradale viene decontestualizzato all’interno della Fondazione Pasquinelli con opere su tela che si presentano al fruitore in un trionfo di colori e materia. In alcuni dipinti si colgono riferimenti al genio di Leonardo, come ossequio al grande maestro che coglieva attentamente l’espressione dei volti e i gesti del genere umano per descrivere profondamente i moti dell’animo, la cosa più difficile da trasmettere attraverso la pittura secondo il maestro. Generare emozioni e stupore, questa la sintesi della missione di KayOne, mediante spaccati urbani riproposti su tela, con un mix di tecniche contemporanee, senza dimenticare però che la vera fruizione delle opere d’arte nel nostro tempo comincia per strada. L’origine della vita, rappresentata dalla spirale bianca al centro del quadro, abbraccia la poster art strappata da cartelloni abbandonati, il lettering da puro writing dialoga con gli stickers che fanno da contraltare alle colate di cemento e catrame stradale, mentre la resina vetrifica il tutto per donare vita eterna all’esplosione di luci e colori. KayOne spirito ribelle in perenne viaggio alla ricerca della destinazione ideale di approdo, per scoprire che la fine ispira solamente l’inizio di un nuovo moto dell’anima.


Mostra personale presso Fondazione Pasquinelli, corso Magenta 42, Milano
18 settembre - 10 ottobre 2015
lunedì, martedì, mercoledì, venerdì 14.30 – 18.30
giovedì 14.30 – 20.30
sabato 16.30 – 19.30
ingresso libero

Inaugurazione: giovedì 17 settembre, ore 18.00
interviene Maria Carmela Rozza, Assessore ai Lavori Pubblici e Arredo Urbano del Comune di Milano

a cura di Alessandro Mantovani

Kayone, uno street artist alla Fondazione Pasquinelli

Quando una mostra racconta il palcoscenico urbano.