Progetto Rotta verso casa

Il viaggio delle persone con disturbi psichici verso l’autonomia abitativa

ProgettoItaca Nell’ambito dei servizi per la residenzialità nei disturbi psichiatrici cronici, che determinano quindi una disabilità nella persona colpita, appare importante mantenere un approccio di responsabilizzazione ed un’attitudine educativa focalizzata sulla valorizzazione e il rinforzo delle abilità personali, residue e potenziali. Pertanto, le opportunità abitative proposte alle persone con disabilità non possono ridursi a soluzioni di alloggio sociale, ma è opportuno vengano inserite in un piano educativo di crescita individuale fondato sull’individuazione delle aree di miglioramento e su programmi di rinforzo articolati in differenti ambiti e realizzati all’interno di una rete sociale integrata.

Con tale prospettiva, l’esperienza di gestione della casa ha successo se inserita in una cornice più ampia di attività di supporto alla gestione dei vari nuclei essenziali della vita individuale e di comunità: la cura del sé e dei propri spazi, l’impiego dei soldi e il risparmio, l’alimentazione, la salute generale, la salute psichica, il rapporto con la famiglia di origine, il lavoro ove presente, la forma fisica, i rapporti sociali, il tempo libero, la cultura e la formazione. Ognuno di questi ambiti ha una ricaduta diretta sul vivere la propria casa, che diventa la dimensione facilitante per lo sviluppo del potenziale umano.

Partner del progetto

  • Comune di Milano: disponibilità di un appartamento “beni confiscati alle mafie”
  • AST di Milano, Dipartimento Salute Mentale, CPS Centro Psico Sociale: prestazioni sanitarie
  • Privati: finanziatori

Obiettivi generali

  1. Promuovere la riflessione e i saperi rispetto alla vita in autonomia, intesa come ambito prioritario nel percorso terapeutico dei soggetti con disturbi psichici e come elemento esplicito con cui confrontare le politiche di inclusione sociale, le pratiche di presa in carico e i progetti riabilitativi e di recovery.
  2. Promuovere un modello integrativo alle Residenzialità Leggere volto ad una maggiore autonomia.
  3. Valorizzare il “sapere esperto” degli ospiti attuali e di quelli passati, i contributi di altri soggetti con disturbi psichici interessati all’ambito dell’abitare, e l’apporto dei CPS e degli enti del Coordinamento per esprimere linee guida, e codificare queste e altri aspetti in modelli coerenti ad una miglior gestione dei temi presenti nelle tre aree tematiche.
  4. Modellizzazione arredi e dotazioni della casa.
  5. Esprimere buone prassi e strumenti per facilitare la tutela della persona con disturbi psichici quando la rete famigliare sarà assente o fortemente indebolita.

Obiettivi specifici

  1. Coinvolgere gli ospiti di Progetto, presenti e passati e i soci di Club Itaca interessati, facilitando l’emersione del loro contributo esperienziale, valorizzandolo in condivisione nei focus group tematici.
  2. Caratterizzare e promuovere le tre macro Aree di attività a supporto del beneficiario: “Orientamento all’autonomia”, “Casa e abitabilità” e “Dimissioni e sostegno alla vita autonoma” e le diverse forme di gestione.
  3. Coinvolgere i servizi di cura e gli enti del Coordinamento milanese Salute Mentale interessati.
  4. Coinvolgere le risorse presenti in Itaca in grado di dare supporto e orientamento ai famigliari.
  5. Coinvolgere enti, fondazioni e altri esperti nelle forme di supporto a soggetti con disabilità, come l’amministrazione di sostegno e altre soluzioni

Link sito
http://www.progettoitacamilano.org
Link video
http://storage.progettoitaca.org/video/muto.mp4